Mainmenu
Gallery
Events
tipstricks
Guests
links
 
GP01FB


Vai alla pagina del Webmaster
Realizzato da Steve - Webmaster
Sito attivo dal 1998


Concorrente al JAF-Con 8 / Taked Part at Jaf-Con 8

 


MS-21C Dra-C
Resina - Autocostruzione scala 1/220


Costruzione del Modello: Questo modello l’ho iniziato quasi per gioco poiche’ volevo provare un materiale da scultura che un amico mi ha procurato ed anche provare la mia abilita’ di costruzione da zero di un Mobile Suit in scala 1/220, visto che sono appassionato di questa scala ed ho gia’ parecchi modelli di questo tipo. Il soggetto in questione esiste solo come modello in resina in scala 1/100 attualmente in commercio.

Realization of the model: I started this model as a joke and to test a new material one friend gived me to try sculpting and trying also my ability to make a 1/220 scale model starting from zero, also because I'm passionated with this scale models and I also have a lot of this kind. The subject is not beeing produced in this scale but only in 1/100 actually beeing distribuited by japanese B-CLUB.

Per facilitarmi un poco il lavoro sono partito dal busto di un modellino in resina dello Zaku F2 in scala 1/220 , che ho dovuto modificare e correggere per il nuovo modello. La Testa e’ stato il primo pezzo ad essere scolpito naturalmente usando il busto come riferimento per la grandezza, questo perche’ non esistono dei disegni tecnici con planimetrie esatte e cosi ho dovuto usare dei disegni in prospettiva e provare verificando i pezzi posizionati nello stesso modo del disegno. Mi e’ servito per capire meglio le proporzioni dei pezzi che ovviamente non sono precisi al millimetro anche perche’ non esiste niente con cui confrontare il tutto in realta’. Nell’animazione il soggetto appare giusto per qualche secondo e percio’ molti particolari sono frutto di speculazioni da parte dei vari illustratori.

To make may work more easy I started by a bust of a 1/220 Zaku F2, that I modified to fit the new design. The head is the first part I sculpted using the bust as guide for the size proportions, this because no blueprints of the model exist, only some technical designs in perspective view and I had to try viewing the pieces in the same way of the design to view if correct. The size of the model isn't really know (almost the single sections) so I tried to make it look good. In the animation series this MS shows only few seconds and so many particulars are not show well.

Per alcuni particolari quali i serbatori (al posto delle gambe del Mecha) oppure le sfere posizionate sulle spalle ho realizzato un pezzo base simmetrico che ho replicato in resina e poi ho dettagliato con i particolari Dx/Sx per le due parti. Le spalle in particolare sono identiche cambiando solo l’avambraccio. Per la sfera ho fissato un blocchetto di materiale su di un perno e poi ho provveduto a tornire il tutto sul trapanino minicraft fissato nel supporto apposito. In secondo luogo ho fresato le aperture degli ugelli direzionali. Il lavoro di sbozzatura e scolpitura e’ stato fatto tutto con taglierino, scalpellini della Hasegawa e carta vetro, a volte ho usato il plasticard oppure parti in resina copiate da altri accessori per dettagliare meglio il pezzo.

Some pieces as the to Propellant tanks (they are in replacement of the legs) and also the two sphere on the shoulders I realized only one because symmetrical. To make the sphere I started by a block of the material pinned in the center and turned on a minicraft lathe. In a second stage I milled the directional trusters openings. All the work of cutting and sculpting has been done with a cutter, the small chisels by Hasegawa Tritools series and sandpaper, some times I used pieces of plasticard to make details.

Lo scudo e’ il pezzo che mi ha soddisfatto di piu’ come costruzione, dovendo avere una superficie curva ho pensato di fissare un pezzo di plasticard su di una bomboletta con del natro sui bordi e poi dopo aver tagliato la sagoma esatta dello scudo l’ho incollata sul foglio attaccato alla bomboletta conla colla liquida e fissandola con del nastro. Dopo mezz’oretta ho tolto il nastro e tagliato via l’eccedenza avendo cosi la forma base dello scudo che ho poi guarnito con i dettagli ispirati dalle illustrazioni tecniche del modello. Sulla parte forntale dello scudo ho voluto realizzare l’emblema delle forze di Zeon e cosi dopo aver fatto il calco del simbolo sul retro di una caramella con la gomma siliconica in pasta ho realizzato la copia in resina e prima della completa asciugatura l’ho posizionata sullo scudo cosi che prendesse gia’ la curvatura idonea.

The shield is the piece I liked more to create, I started fixing a piece of plasticard bigger than the shield size on the side of a spraycan with masking tape on the borders so it was curved. After I cutted the right figure of the shield I glued it (with liquid glue) on the other piece of plasticard at 90° with the spraycan base and fixed it with some pieces of tape. After Half an hour I taked of the tape and I cutted away the excess of material on the shield that I detailed on the inside with various parts (looking at the mechanical designs) and on the outer side with the Zeon emblem (cloned by a candy with silicone and resin).

Una volta terminati i pezzi mi sono accorto che la clonazione dei pezzi sarebbe stata difficoltosa per la loro conformazione cosi ho deciso di dividere in due il busto e la spalla dalle sfere e dotarli di una giuntura facilitata. A questo punto ho realizzato gli stampi in gomma di tutti i pezzi ed ho realizzato una serie per assemblare il modello completo e verniciarlo per la presentazione. Ho partecipato subito al contest modellistico EUROMA 2004 organizzato dall'Alfamodelclub di Roma vincendo alla sua prima esibizione la Medaglia d'ORO nella sezione Master SCI-FI

When I finished all the parts of the model I noted that some of them where difficult to recast so I sectioned them and made some joints to make them more easy to assembly. I made this work for the bust and the shoulders. So I finished the model and started to recast it to make my own model and the master to send at the friend that starts production and selling it by web on his webshop. This model taked part at the EUROMA model contest earning the GOLD Prize for the SCI-FI Master Category at it's first trip outside.

Ecco alcune foto del modello finito






Se volete scrivermi potete usare l'email segnata nell'immagine qui sotto:

email

Diritti D'autore - Trademarks


Associato a:

GundamUniverse, tutto su Gundam !!

NKGCommunity

Dati Tecnici e Generali:
Codice Modello:
MS-21C
Nome in codice: Dra-C
Classificazione: mobile suit di produzione in massa per combattimento spaziale
Produttore: Esercito di Delaz
Prima produzione: Maggio UC 0083
Accommodation: solo pilota, in cabina standard nel corpo principale
Dimensioni: altezza globale 29.8 mt
Peso: vuoto 23.9 tons; max carico 49.0 tons
Materiali: titanio/ceramico composito su struttura monoguscio
Motore: reattore a fusione ultracompatto tipo Minovsky , potenza di 596 kW
Propulsione: propulsori a razzo: 2 x 28000 kg, 3 x 20500 kg
Performance: massima accelerazione di 2.40 G
Armamenti fissi:
cannone vulcan da 40mm, montato sul braccio destro; scudo con spada laser incorporata

Note Tecniche e Storiche: Alla fine della guerra di un anno alla battaglia di A Bao A Qu nel 31 Decembre UC 0079, molti sopravvissuti dell’esercito di Zeon si ritirarono in esilio, sopravvivendo e ricostruendo le loro forze al meglio che potevano affinche’ potessero rinnovare la guerra contro la Federazione Terrestre. Una rimanenza fu la flotta di Delaz, che costrui’ esclusivamente nuovi mobile suit con parti di recupero e componenti dei mobile suit. Chiamato MS-21C Dra-C, era solo per lo spazio, un veloce mobile suit intercettore, armato solo con un cannone Vulcan da 40mm montato nell’avambraccio destro ed uno scudo dotato di spada laser sul braccio sinistro. Il busto e le braccia erano parti recuperate dai vecchi MS-06F2 Zaku II, ma montavano al posto delle gambe dei lunghi serbatoi. Dato che era piu’ vicino ad un Mobile Armour che ad un Mobile Suit non era stato dotato del sistema AMBAC (Active Mass Balance AutoControl) , sostituendolo con grossi trusters ed un paio di larghe unita’ multi trusters sulle spalle per il controllo di direzione.